Il settore Immobiliare e l’impatto da lockdown

Lockdown e immobiliare

Il difficile momento che stiamo attraversando ha avuto un considerevole impatto sull’immobiliare.

Si stima che l’intero settore abbia chiuso i battenti durante il periodo del lockdown (09/03/2020 – 04/05/2020) e ora tutte le aziende stanno facendo il possibile per superare questo momento di crisi e tornare alla normalità.

La riapertura delle attività economiche a partire dal 4 maggio segna l’inizio di una nuova fase. Ora la domanda che ci si pone è: come sarà la ritrovata normalità?

Ovviamente nessuno può sapere cosa ci riservi il futuro ma, sfruttando le informazioni disponibili, figlie della digitalizzazione e dei Big Data, è possibile analizzare il contesto per prendere migliori decisioni.

Per comprendere l’impatto che il lockdown ha avuto sulle attività economiche presenti nel nostro paese, è stato analizzato l’intero settore immobiliare grazie al contributo di Impact Indicator, l’indicatore che misura l’impatto del lockdown sul business italiano.

Lo scopo? Mitigare i rischi di oggi per mettere in sicurezza il business di domani.

Chapter 1

Densità demografica

Il settore immobiliare conta 278.884 aziende iscritte presso il registro delle imprese che hanno comunicato la data di inizio della loro attività.

In Italia, le regioni con maggiore numerosità sono rispettivamente Lombardia (26,65%), Veneto (11,33%) e Piemonte (11,28%).

immobiliare

A livello geografico aggregato è il Nord Ovest la Macro- Regione con maggiore presenza di imprese all’interno dei propri confini (41% sul totale), seguito dal Nord Est con il 25% ed il Centro con il 22%. Ultimi per densità demografica il Sud (9%) e le Isole (3%).

immobiliare
Chapter 1

Struttura del settore per ATECO

Nel settore immobiliare si evidenziano principalmente otto categorie di attività economiche, a seconda del codice ATECO di appartenenza.

Il quadro che emerge, sottolinea la prevalenza numerica della compravendita di beni immobili effettuata su beni propri con il 35,97% sul totale delle imprese, seguita dalla locazione immobiliare di beni propri o in leasing (34,27%) e dalle attività di mediazione immobiliare (17,4%).

Seguono, con percentuali minori, l’affitto di aziende (4,23%), l’affitto di gestione di immobili di proprietà o in leasing (4,07%), l’amministrazione di condomini e gestione di beni immobili per conto terzi (2,50%), le attività immobiliari (1,4%) e le attività immobiliari per conto terzi (0,16%). 

struttura per ATECO immobiliare
Chapter 1

Lo scenario post lockdown

Nell’aprile 2020 l’Istituto Nazionale di Statistica - ISTAT - ha diffuso una serie di analisi sui settori sospesi al fine di valutare la struttura produttiva regionale per settore economico, in base alla classificazione ATECO, tenendo in considerazione lo stato di prosecuzione o sospensione delle attività così come definite nei provvedimenti normativi emanati fino al 14 aprile 2020.

I dati forniti permettono facilmente di analizzare la distribuzione delle aziende in modo da definire specifiche azioni di gestione.

Applicando le informazioni già elaborate dell’ISTAT al modello statistico Creditsafe, è stato possibile ottenere il possibile impatto del lockdown sui vari settori merceologici.

Il risultato è stato successivamente arricchito con le interrelazioni dei vari business con l’economia interna e con il mercato globale ed è stato applicato ad ogni singola regione.

Grazie ai dataset finanziari e andamentali contenuti nel database proprietario di Creditsafe ed impreziosendo l’analisi con il contributo del Risk Score (che rappresenta la probabilità che una controparte risulti insolvente nei 12 mesi successivi l’erogazione del debito) è stato possibile elaborare questo coefficiente di ponderazione.

funnel
Chapter 1

Come ne esce l'immobiliare

Sulla base della metodologia applicata è stata elaborata una matrice che presenta sull’asse delle ascisse i valori derivanti dal Risk Score, ovvero l’indicatore che misura la probabilità che un’impresa debitrice risulti insolvente nell’arco di 12 mesi, e su quello delle ordinate i valori derivanti da Impact Indicator, ovvero l’indicatore che misura l’impatto del lockdown sul tessuto imprenditoriale.

Applicando i due coefficienti al settore immobiliare e distribuendo tutte le imprese all’interno di questa matrice si ottiene lo scenario seguente.

Il 56% del settore immobiliare si configura come segmento a basso rischio di insolvenza ma con un alto impatto dovuto al lockdown, mentre il 44% dell’intero settore è ad alto rischio di insolvenza e ad alto impatto.

Lo scenario post-lockdown che emerge configura quasi un’impresa su due come ad alto rischio.

immobiliare lockdown
Chapter 1

Azioni suggerite

I dati forniti permettono facilmente di analizzare la distribuzione del settore immobiliare in modo da definire specifiche azioni di gestione.

Incrociando l'impatto del lockdown con il nostro sistema di Scoring, abbiamo elaborato una matrice Swat con le relative azioni suggerite nei confronti della controparte oggetto di analisi.

lockdown immobiliare
azioni suggerite
Chapter 1

Come richiedere Impact Indicator per il proprio settore di riferimento?

Per richiedere Impact Indicator è sufficiente trasmetterci un semplice elenco contenete le P. IVA oggetto di interesse.

Una volta processata la richiesta, i nostri analisti vi restituiranno lo stesso file arricchito di Risk Score, Impact Indicator e matrice di analisi.

Creditsafe Italia crede nella ripartenza, per questo motivo abbiamo deciso di fornire questo servizio in modalità totalmente gratuita.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!